Elisabetta allo specchio
Riflessioni storico-teatrali sull’età di Shakespeare
10,00 €
6,00 €
D – Saggistica varia
     
SINTESI
Come le immagini dell’arte, che aiutano i posteri a sintonizzarsi con la sensibilità collettiva di un’epoca passata, anche il teatro è uno degli specchi della società, porta privilegiata per accedere alla visione che i contemporanei hanno del mondo in cui vivono. Proprio in quest’ottica, il volume analizza la letteratura del teatro intesa non solo come divertimento, ma soprattutto come strumento di insegnamento, di propaganda o di polemica nei confronti dell’ordine prestabilito. Teatro, dunque, come mass–media ante litteram che, sul suo palcoscenico, riflette l’immagine della società. In questo studio, il tempo è quello a cavallo fra il XVI e il XVII secolo, momento cioè in cui lo Stato assoluto europeo getta le sue basi; lo spazio quello dell’Inghilterra; l’azione quella della storia e dei drammi che la riflettono, mentre il punto di vista sarà soprattutto quello di uno dei più grandi drammaturghi di tutti i tempi: William Shakespeare. Nel rispetto delle unità aristoteliche di tempo, spazio e azione, l’analisi limita il tempo a quello delle pièces teatrali, lo spazio a quello della scena e l’azione, con valenza prettamente storica, allo svolgersi del racconto
pagine: 108
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-8690-2
data pubblicazione: Settembre 2015
marchio editoriale: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto