Le trappole della memoria
12,00 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
La Collana “Terra Iberica” è volta ad accogliere lavori di iberistica di livello universitario, e ha per logo una mappa antica della Penisola tracciata da Tolomeo. A promuoverla è la Cattedra di Spagnolo della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Roma “La Sapienza” (Dipartimento di Scienze del Libro e del Documento). La Collana si articola in tre Sezioni: - Sezione I, “Didattica”, maneggevole e in piccolo formato, per il materiale finalizzato alle attività di insegnamento iberistico sia di Laurea Triennale che di Laurea Specialistica (testi in lingua, dispense, brevi saggi, grammatiche, esercizi, ecc.); - Sezione II, “Ricerca”, per i risultati di singole ricerche (monografie e miscellanee di un solo autore) o di ricerche collettive (atti di convegni e libri a firma plurima); - Sezione III, “Il Traghetto”, per le traduzioni di importanti opere letterarie iberiche non ancora diffuse in Italia e che necessitano di essere ‘traghettate’ dalla lingua originale, elaborate sia dal “Master di II livello in Traduzione specializzata” (che la Cattedra coordina) sia da traduttori esperti in campo iberistico.Le proposte di pubblicazione vanno rivolte alla Direzione o alla Redazione della Collana. Articolato nel fugace volgere di una giornata, e più precisamente dalle prime ore del mattino fino alle prime ore della sera della vigilia di Natale, “Le trappole della memoria” condensa con la «massima espressività nel minor spazio drammatico possibile» la storia di Marcelo, veterinario oriundo di León, emigrato in Australia che rientra in famiglia a distanza di ben quindici anni dal momento della sua dipartita.Questo ennesimo, intenso, racconto di Merino, dotato di prosa lucida e razionale, di uno stile elegante e ineccepibile, si struttura come una sapiente partitura d’orchestra giocata su immagini realistiche cui fanno da controcanto immagini ben più vaghe e aleatorie che sembrano contraddistinguere tutto quanto attiene alla personalità di Marcelo, per indicare la quale il narratore (e Merino con lui) non esita a impiegare termini come «strano», «stranezza», «confuso», «estraneo», «andato», ecc. che rimandano sempre a qualcosa di incerto e non ben definito oltre che di misterioso e insolito. José María Merino nasce a La Coruña nel 1941 ma si trasferisce ben presto a León che diviene sua città d’adozione. Pluripremiato dalla critica per i suoi racconti e romanzi, ha al suo attivo una vasta produzione, massimamente in prosa narrativa, che comprende, oltre al racconto e al romanzo, la critica letteraria, la saggistica e l’antologia.
pagine: 56
formato: 21 x 19,5
ISBN: 978-88-548-1132-4
data pubblicazione: Luglio 2007
marchio editoriale: Aracne
collana: Terra Iberica | 1
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto