Il Pensiero Storico
Rivista internazionale di storia delle idee
Direttore responsabile Luciano Lanna
Direttore scientifico Danilo Breschi
Comitato scientifico Matteo Anastasi, Mario Ascheri, Beatrice Benocci, Danilo Breschi, Alessandro Campi, Leonardo Cappelletti, Franco Cardini, Hervé Antonio Cavallera, Gabriele Ciampi, Daniela Coli, Vincenzo Corseri, Michelangelo De Donà, Luca Demontis, Andrea Frangioni, Filippo Gorla, Antonio Infranca, Daniele Lanza, Carlo Marcaccini, Fabio Milazzo, Pellegrino Gerardo Nicolosi, Luciano Luigi Pellicani, Spartaco Pupo, Christian Satto, Pasquale Serra, Daniele Trabucco, Giangiacomo Vale, Michele Vallaro, Loris Zanatta
Comitato scientifico internazionale Riccardo Antunes, Maria Hsia Chang, Matthew D’Auria, A. James Gregor, Roger Griffin, János Kelemen, Miguel Vedda
Comitato di redazione Beatrice Benocci, Andrea Giuseppe Cerra, Elena Gaetana Faraci, Giuseppe Ferraro, Valeria La Motta, Stefania Mazzone, Antonio Messina, Lorenzo Paudice

ISSN: 2612-7652
Registrazione: 22/11/2018 n. 191 presso il Tribunale di Roma
Periodicità: Semestrale
Il Pensiero Storico nasce nel 2016 su impulso di un gruppo di studiosi, come un progetto di ricerca multidisciplinare di studio e divulgazione di Storia delle Idee, con l’ambizione di dar vita a una libera piattaforma aperta al dibattito culturale e alla ricerca storico–scientifica. Il progetto si articola nella pubblicazione digitale di un trimestrale che incoraggia lo studio e la ricerca delle idee e delle ragioni che hanno prodotto i fenomeni storici. Studiare le idee che sono alla base degli eventi storici significa, citando Henri Irenee Marrou, rifiutare il relativismo che «tende a dissolvere il pensiero nell’ambiente culturale o sociale», giacché lo studio della storia è «il mezzo di una riscoperta, di una riconquista, di un arricchimento».

I pilastri fondamentali su cui si svolge la nostra attività sono:
– Multidisciplinarietà: l’indagine storica deve necessariamente includere l’apporto fondamentale dato da altre discipline quali ad esempio la Scienza Politica, la Sociologia e la Filosofia.
Rifiuto di oggettivismo e soggettivismo: le analisi storiche non sono il risultato di un oggettivismo puro, e neanche di un soggettivismo radicale. La storia è «percezione dell’oggetto e avventura spirituale del soggetto conoscente» (H. I. Marrou).
– Scientificità: il rifiuto dell’oggettivismo puro non significa affatto rinunciare al principio consolidato della «scientificità» della storia. La storia è una scienza e il suo compito è quello di assicurare – attraverso l’analisi critica delle fonti – la conoscenza dei fatti di cui si occupa.
– Razionalità: studiare i fatti storici significa comprendere primariamente le idee che li hanno prodotti. Gli eventi storici non sono soltanto il frutto di una astratta casualità, ma spesso rispondono ad una logica razionale. Indagare su quale sia la “logica razionale” dietro i fatti storici è il compito che ci siamo prefissati.

Il codice etico è scaricabile dal seguente link: Codice etico della rivista «Il Pensiero Storico».

Link al sito della rivista: Il Pensiero Storico. Rivista internazionale di storia delle idee.
SINTESI
PUBBLICAZIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto