«Non habemus hic manentem civitatem sed futuram inquirimus» (Eb 13,14)
Progettare una “chiesa provvisoria”
20,00 €
12,00 €
Area 15 – Scienze teologico-religiose
     
SINTESI
L’opera affronta l’attualissimo tema dell’emergenza post-catastrofe dal particolare punto di vista della necessità di edifici liturgici “provvisori” conseguente alla perdita o all’inagibilità di quelli esistenti. L’improvvisazione e l’approssimazione, che spesso informano gli interventi messi in atto per far fronte alle necessità delle comunità cristiane colpite, hanno stimolato una ricerca progettuale che, dopo un’indispensabile e approfondita analisi dei significati teologici, ecclesiologici e liturgici qualificanti l’edificio cultuale contemporaneo, propone un modello di domus ecclesiae in grado di rispondere all’urgente bisogno di luoghi di culto, ma anche di aprirsi a successivi congruenti utilizzi in forza delle più recenti declinazioni del concetto di “provvisorietà”. Tutto ciò avviene alla luce delle acquisizioni del Concilio Vaticano II, filtrate dalla stringente contingenza del post-calamità che, come preziosa occasione di riflessione, permette di transignificare il concetto di “provvisorietà drammatica” in “provvisorietà escatologica”, vera e unica dimensione dell’esistenza cristiana. Così la domus ideata reifica la forma essenziale dei circumstantes, autentica e primigenia icona spaziale del “mistero di comunione”, e risponde con precisione e chiarezza di senso alle esigenze liturgiche del “popolo di Dio pellegrinante verso la Gerusalemme celeste”, manifestando, in definitiva, tutta la sua iconicità ecclesiologica ed escatologica.
pagine: 212
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-9324-5
data pubblicazione: Luglio 2016
editore: Aracne
collana: Architetture, arti e suoni | 2
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto