Ernestine Rose: Oweniti, Atei e Liberi Pensatori nell’America puritana del diciannovesimo secolo
20,00 €
12,00 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
Di origine polacca, di cultura ebraica, atea, libera pensatrice, Ernestine Louise Rose (1810-1892), è un personaggio nato politicamente nell’ambito della cultura dei movimenti cooperazionisti appartenenti al socialismo prequarantottesco inglese di matrice oweniana. La sua filosofia politica la porta ad impegnarsi nella formazione del movimento per i diritti delle donne, negli anni precedenti la guerra civile americana, nella difesa dell’autodeterminazione dei popoli, delle rivoluzioni democratiche in Europa, delle libertà politiche, della separazione tra Stato e Chiesa, nelle lotte per l’abolizione della schiavitù e per il suffragio universale. I suoi scritti, pubblicati sulla stampa dell’epoca e tradotti in Italia per la prima volta in questo testo, ci restituiscono la forza delle sue argomentazioni e la sorprendente modernità del suo pensiero collocandola tra le numerose donne che hanno contribuito allo sviluppo del processo di democratizzazione in Occidente e alle quali non viene ancora dato il giusto riconoscimento storico.
pagine: 400
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-7874-7
data pubblicazione: Novembre 2015
editore: Aracne
collana: Donne e Politica | 2
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto