Credere in Deum
Tommaso d’Aquino interlocutore della filosofia d’oggi
16,00 €
9,6 €
Area 15 – Scienze teologico-religiose
     
SINTESI
Credere in Deum è espressione utilizzata da Tommaso d’Aquino per definire un aspetto della fede cristiana: l’amore e la tensione verso Dio inteso come fine e senso della fede. Secondo Tommaso, è l’amore per Dio – donato da Dio stesso – che porta ad affidarsi a lui e a credere quanto egli ha rivelato. La tesi di fondo di questo libro è che un legame così decisivo, che costituisce l’orizzonte entro il quale si spiega l’intera esperienza del credente, risulti orientamento e criterio anche per la sua indagine filosofica. Nella prima parte del libro questa tesi viene indagata attraverso la lettura di testi dell’Aquinate, nella convinzione che, nel panorama dell’attuale riflessione filosofica, molte delle intuizioni e delle argomentazioni tommasiane non risultino ancora evidenziate e valorizzate come meritano. La seconda parte è dedicata a confermare questa convinzione indagando la lettura – le convergenze e le divergenze, le comprensioni e i fraintendimenti – che di tali intuizioni e argomentazioni è stata offerta da alcuni filosofi del nostro tempo: Alvin Plantinga, Eleonore Stump, John Jenkins, Étienne Gilson, Emanuele Severino.
pagine: 300
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-7809-9
data pubblicazione: Dicembre 2015
editore: Aracne
collana: Caminantes | 5
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto