L’invenzione della democrazia
Pensiero politico e istituzioni nella Seconda Repubblica francese (1848-1852)
15,00 €
9,00 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
I fondatori della Seconda Repubblica francese (1848–1852) tentarono di innestare sul « governo rappresentativo » l’idea e le pratiche della « democrazia », intesa come fusione, totalmente moderna, tra eguaglianza sociale ed eguaglianza politica. Tale esperimento si infrange su uno scoglio inatteso: la legge del 31 maggio 1850, che restringe nuovamente il suffragio, e separa l’entusiasmo semantico e sperimentale per la democrazia rappresentativa dall’articolazione della retorica antiparlamentare e di una controproposta referendario–plebiscitaria. Un dibattito la cui eco perdura nell’attuale, interminabile « crisi » del modello democratico–rappresentativo.
pagine: 236
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-3494-8
data pubblicazione: Ottobre 2020
marchio editoriale: Aracne
collana: Politikòn Zôon | 8
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto