ΔΙΆ
Attraversando l’ultimo orizzonte e altro della notte. Epopea dell’originario ed epoche dell’umano
40,00 €
24,00 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Se l’Essere che anzitutto appare fosse piuttosto l’immediata autodatità o teticità fenomenica della contraddittorietà che, per coerenza identitaria o coalescenza al sé, endo–reattivamente dimora nell’immanenza atra e apofatica della Contraddizione, l’Origine o l’Emersione del Tutto non dovrebbe in verità essere afferrata giacché Evento — intrinsecamente estroflessivo — dell’Uno–in–sé–diviso, autoctica epperò sempre più contro–affermativa ante–sé deposizione dell’escate o trascendentalmente sempre sottraentesi meontica inseità dell’Antinomia (Pólemos), abissale altresì prolessi (Entwurf) e inaudito proponimento (Sollen) dell’assolutamente Estremo stesso? Non dovrebbe ossia la Seinsgeschichte più autenticamente venire indicata in quanto omo–deissi monumentale del Nulla ultimo, tutto nell’orizzontalità ipseitale propria pre–avvolgente e anzitutto la principiale pro–posizione ipotetica del sé, enantio–dromica epperò Epopea (Geschehen) o processuale destinazione (Geschick) al suo compimento?
pagine: 900
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-3080-3
data pubblicazione: Febbraio 2020
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto