Guerra e scienze della mente in Italia nella prima metà del Novecento
28,00 €
16,8 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Il volume raccoglie saggi e documenti inediti che contribuiscono a gettare nuova luce sul progresso delle discipline psicologiche, psichiatriche e medico–scientifiche che nella prima metà del Novecento indagarono e interpretarono i fenomeni legati agli eventi bellici: dal trauma psichico ai processi mentali collegati all’esperienza vissuta e alla percezione del conflitto, dagli episodi diffusi di autolesionismo, simulazione, diserzione alle novità terapeutiche e riabilitative introdotte in ambito traumatologico, neurologico e chirurgico per affrontare l’alto numero di ferite al cranio e al sistema nervoso. Concentrandosi prevalentemente sulla Grande guerra, attraverso l’analisi incrociata dei resoconti scientifici di medici, psicologi e psichiatri e delle scritture private dei protagonisti, l’opera fornisce elementi e prospettive utili per comprendere la soggettività e il quotidiano dei soldati e dei civili brutalmente coinvolti negli orrori del conflitto.
pagine: 472
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-3043-8
data pubblicazione: Dicembre 2019
editore: Aracne
collana: Mente e storia | 2
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto