Della relatività e del pluralismo dei valori
Saggio di teoria culturale intorno all’arbitrarietà del linguaggio e dei concetti
6,00 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
Il volume nasce dalla considerazione di come il linguaggio e le nozioni umane siano artificiali e arbitrarie, e dall’esigenza di comprendere fino a che punto la loro arbitrarietà comporti relativismo dei valori. Si sosterrà che è il pluralismo, come molteplicità di ragioni etiche soggettive, a porre un argine al relativismo etico stesso, poiché risponde alla volontà (a quel senso intenzionato dell’agire) razionale dei singoli di garantirsi un ordine sociale convenzionale fondato sul rispetto dei diritti fondamentali, o naturali, propri e dei propri simili, dal diritto alla vita alla libertà di pensiero. Se il modello della società aperta incarna tale ordine sociale, pure occorre che non conceda diritto di cittadinanza a visioni apertamente nemiche del pluralismo, o correrà il grave paradossale rischio di negare sé stessa.
pagine: 156
formato: digitale
ISBN: 978-88-255-2999-9
data pubblicazione: Febbraio 2020
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto