L’incertezza del diritto
32,00 €
19,2 €
Area 12 – Scienze giuridiche
     
SINTESI
La certezza del diritto è un principio affermato come verità dogmatica nella civiltà giuridica moderna, trattandosi di un principio essenziale, senza il quale svanirebbe ogni punto di riferimento. La certezza del diritto, infatti, è il principio in base al quale il diritto deve ricevere un’applicazione prevedibile. Anche nella giurisprudenza della Corte europea dei diritti dell’uomo, l’obbligo che una certa misura sia prevista per legge è stato sempre interpretato in questo senso. È chiaro che questo non può pregiudicare l’esistenza delle cosiddette clausole generali, dato che la casistica è di impossibile esaustività, ed è necessaro che l’ordinamento disponga di strumenti tali da poter offrire indicazioni sull’esercizio della facoltà d’apprezzamento del giudice. Svanendo la certezza del diritto, svanisce anche il principio del legittimo affidamento che, invece, costituisce un principio consolidato pure dell’attenta salvaguardia delle situazioni soggettive consolidatesi per effetto di atti o comportamenti idonei a generare per l’appunto un ragionevole affidamento nel destinatario. Oggi, la certezza del diritto, unitamente alla certezza della pena, non è più un caposaldo della nostra società, con conseguenze disastrose.
pagine: 640
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-2843-5
data pubblicazione: Dicembre 2019
marchio editoriale: Aracne
editore: Gioacchino Onorati editore S.r.l. unip.
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto