Narrarsi in salvo
Semiosi e antropo–poiesi in due buddhismi giapponesi
26,00 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Al cuore dell’uomo c’è una lacuna incolmabile, una mancanza di sé e di senso: incompiuta, l’umanità è condannata a farsi senza fine, a darsi forma e direzione, darsi un mondo, e al tempo stesso è per questo spinta a rifarsi, a ribaltare e risolvere quest’umanità incerta e dolorosa in qualcos’altro, salvandosi. Nel Giappone medievale, due monaci buddhisti hanno preso vie opposte rispetto al problema di farsi uomini e buddha. Il primo, Shinran (1173–1263), radicava la pratica in un mito, quello del Buddha Amida, che avrebbe fatto voto di far rinascere nella sua Terra Pura tutti coloro che si fossero semplicemente affidati a lui, senza distinzioni: bastava che ne recitassero il nome e avrebbero naturalmente finito col trovare il risveglio. Il secondo, Dōgen (1200–1253), insegnava che la pratica del sedersi — fermi come montagne — nella postura del loto, alla maniera del Buddha Sakyamuni, attuasse ed esprimesse immediatamente un risveglio già presente in tutte le cose. Ma se a prima vista la ferita dell’uomo è cucita col filo di una storia solo nel primo caso, mentre nell’altro si rimargina in un’esperienza diretta, a uno sguardo più attento si rivela più difficile distinguere azioni e narrazioni, realtà e mondi, e ciò che appare sono piuttosto due modi diversi di “narrarsi in salvo”, di farsi e rifarsi nei racconti. In sinergia con un’ottica antropo–poietica, l’analisi semiotica si dimostra qui capace di inseguire il senso ai suoi limiti.
pagine: 516
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-2368-3
data pubblicazione: Maggio 2019
editore: Aracne
collana: I saggi di Lexia | 32
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto