Forma e lavoro
L’altra prospettiva italiana tra arte e design
16,00 €
9,6 €
Area 20 – Design, moda, comunicazione
     
SINTESI
Il ventennio che va dai primi anni ’50 ai primi anni ’70 è connotato da un intenso dibattito internazionale intorno a una pratica critica e operativa che si muove in una terra di mezzo tra arte e disegno industriale. Per delinearne i confini, il libro analizza l’ideologia e l’attività di movimenti e tendenze quali il MAC (Movimento Arte Concreta, fondato nel 1948), l’arte cinetico programmata, o Op art (fino al 1965) e il cosiddetto radical design della seconda metà degli anni ’60 (fino al 1972). Sul piano delle realtà industriali si toccano le vicende eccezionali della Danese e soprattutto dell’Olivetti. Questi casi esemplari fanno emergere i caratteri non tanto di una certa arte della società industriale, ma dell’arte nella società industriale. Ossia della discussione su questioni inerenti all’arte in generale, agli slanci, ambiguità e contraddizioni che da sempre la connotano come luogo di manifestazione di una differenza, nel contesto di una società caratterizzata dall’egemonia culturale della scienza e della produzione in serie. Lo snodo concettuale dell’intero viaggio storico teorico è individuato nella dialettica tra forma e lavoro, e a questo riguardo assumono un ruolo centrale le riflessioni intorno all’arte cinetico programmata e all’Olivetti. Si mostra come una stessa fenomenologia si dispieghi allo stesso tempo su livelli e in ambiti differenti, offrendo spunti per un’inedita prospettiva metodologica attraverso cui riconsiderare il rapporto tra arte e contesto “extra–artistico”.
pagine: 172
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-2174-0
data pubblicazione: Gennaio 2020
editore: Aracne
collana: Afterimage | 2
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto