Lo screening del migrante
La rappresentazione dell’alterità nel cinema italiano contemporaneo
26,00 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
Stereotipi, cliché e luoghi comuni, connotati da toni più o meno paternalistici, popolano le rappresentazioni filmiche degli immigrati nel cinema italiano dell’ultimo trentennio, offrendo spesso una prospettiva miope e parziale, essenzialista e superficiale sull’Alterità migrante. Il volume analizza i film sull’immigrazione alla luce delle teorie postcoloniali e di recenti studi filosofici, antropologici e sociologici, svelando le origini degli schermi (screens) soggettivi e i meccanismi, perlopiù inconsapevoli, che creano la visione dicotomica dell’Altro nell’immaginario collettivo, riflessa anche nella recente filmografia nostrana e nelle sue modalità di rappresentazione. Di conseguenza, anche il rigido concetto tradizionale di identità nazionale si relativizza, lasciando spazio a una visione fluida e mutevole di identità ibride in costante divenire nel mondo globale contemporaneo.
pagine: 484
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-2073-6
data pubblicazione: Ottobre 2019
marchio editoriale: Aracne
collana: Paideia | 15
SINTESI
INDICE
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto