Jean Marie Gustave Le Clézio e l’antagonismo Città/Natura
10,00 €
6,00 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
Caratterizzata da un’alternanza di luci e ombre, l’intera produzione narrativa lecléziana esprime la diversa percezione che l’autore ha della Natura da una parte, concepita come esempio di armonia e di purezza; e della Città dall’altra, definita come spazio artificiale, enorme piège che divora l’individuo allontanandolo dal bonheur des origines. Tale dicotomia è centrale nell’indagine sul percorso “controcorrente” scelto dall’autore: quello della denuncia dell’aggressività dell’Occidente, dell’abdicazione dei valori che dovrebbero caratterizzare ogni individuo e, non ultimo, quello del rispetto della Natura. A un ideale di vita armoniosa Le Clézio ha mostrato peraltro di credere sempre: dal romanzo d’esordio, Le Procès-Verbal (1963), alla sua opera più recente Alma (2017).
pagine: 136
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-1722-4
data pubblicazione: Settembre 2018
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto