L'autodichia delle Camere parlamentari

10,00 €
6,00 €
Area 12 – Scienze giuridiche
     
SINTESI
L’autodichia delle Camere, che rappresenta il potere conferito alle assemblee parlamentari di godere di una riserva giurisdizionale, trae la sua legittimazione dall’articolo 64 della Costituzione. Si tratta della stessa norma che, attribuendo a ciascuna Camera il potere di adottare un proprio regolamento a maggioranza assoluta dei propri componenti, determina la centralità dei regolamenti parlamentari nella sfera delle autonomie di cui gode l’organo legislativo. Data la complessità dell’istituto in tutte le sue sfaccettature, l’analisi prende avvio da una riflessione: se l’istituto pensato dai padri costituenti, nato all’indomani del nuovo Stato repubblicano, rappresentava la tutela del neo–organo parlamentare da qualsiasi intromissione del potere monarchico, oggi, a settant’anni da quel giorno, non sembra tale motivazione un po’ anacronistica, bizzarra, per giustificare il continuo riconoscimento di tale prerogativa agli organi parlamentari?
pagine: 132
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-1435-3
data pubblicazione: Agosto 2018
marchio editoriale: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto