Geopolitica delle rotte migratorie
Tra criminalità e umanesimo in un mondo digitale
14,00 €
8,4 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Le migrazioni, fenomeno dinamico che cambia modalità nel tempo, sono quelle che dal Sahel e dalle coste mediterranee si dirigono verso l’Europa. I migranti sono seguiti dallo Stato di partenza alla destinazione e negli incontri con il mondo della criminalità organizzata per il quale sono fonti di guadagno e sfruttamento. Migranti e criminali si avvalgono del mondo digitale per trasferire denaro con gli smartphone, per trovare la migliore strada con i cellulari, per parlare con i parenti via WhatsApp. Lungo questi itinerari molti trovano una morte drammatica, altri finiscono nella prostituzione, nello spaccio di droga, sotto il caporalato o nelle nuove categorie di schiavi del xxi secolo. L’arrivo in Europa disattende tutte le loro aspettative: lingue sconosciute, difficoltà nel trovare lavoro, nell’ottenere i documenti, gravi difficoltà nell’integrazione, nulla di ciò che si sperava. L’aspetto più drammatico è la solitudine per persone abituate a vivere in collettivitàestremamente solidali. I loro percorsi sono spezzati da mura e impedimentipolitici. Le politiche italiane ed europee non aiutano a trovare unasoluzione al problema che premi il punto di vista legale. Il libro ha un approcciogeografico legato ai luoghi e ai percorsi, basato sulle teorie scientificheche tentano di spiegare il fenomeno.
pagine: 188
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-1302-8
data pubblicazione: Marzo 2018
editore: Aracne
collana: Geografia economico-politica | 28
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto