Grammatiche della bellezza
8,00 €
4,8 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
L’etimo della bellezza ha da sempre una connotazione filosofica, rappresentando un leitmotiv nell’indagine sulla portata veritativa connessa alla percezione della forma. La bellezza si dice in molti modi, dunque, e vale per essa ciò che Aristotele disse a proposito dell’essere. E se è condizione per cui l’essere si manifesta come donazione di senso, la bellezza ha, necessariamente, diverse declinazioni sinfoniche. Oggi la categoria della bellezza torna a costituire una fonte d’interrogazione esistenziale e civile, assumendo talora toni escatologici o comunque legati a un totalmente altro che produce spaesamento eppure orienta nella vita civile. Da questa profonda interrogazione nasce l’intreccio tra estetica ed etica di cui la bellezza è fondazione trascendentale, cosicché l’indagine si addentra nella compagine della polis, mostrando come cisia ancora spazio per una teoria estetica che, ben lungi dall’essere evasione, è testimonianza e profezia dell’umano ancora da redimere. Grammatiche della bellezza ridiscute l’idea di razionalità estetica, imprescindibile per poter riprendere le fila di un’indagine filosofica aperta alle sollecitazioni storiche e capace di alimentare feconde e inedite fusioni di orizzonti.
pagine: 92
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-255-1187-1
data pubblicazione: Febbraio 2018
editore: Aracne
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto