La traduzione impossibile
Il modello inglese nel costituzionalismo francese dalla Rivoluzione alla Restaurazione
10,00 €
6,00 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
Tra il 1789 e il 1816 la Francia è ripetutamente alle prese con un problema di fondo: trovare un compromesso tra il passato e il futuro, al fine di stabilizzare il nuovo mondo uscito dalla Rivoluzione. Per realizzare questo compromesso si guarda, a più riprese, al di là della Manica. I monarchiens tentano, nell’estate del 1789, di “importare” la costituzione inglese in Francia, rifacendosi alla lettura che ne aveva dato il ginevrino De Lolme; M.me de Staël e Constant cercano invece, tra il 1795 e il 1803, di “tradurne” alcuni congegni in chiave repubblicana; infine, tra il 1815 e il 1816, ciascun “partito” (la destra ultrarealista di Chateaubriand, il centro costituzionale di Guizot, la sinistra liberale di Constant) ne dà una lettura diversa, finalizzata a sostenere la propria interpretazione della Charte. Se la costituzione inglese torna ripetutamente al centro del dibattito francese, la sua interpretazione rimarrà sempre controversa e la sua “traduzione”, in ultima analisi, impossibile.
pagine: 136
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-255-0775-1
data pubblicazione: Ottobre 2017
editore: Aracne
collana: Cronogrammi | 28
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto