Il danno alla salute nel rapporto di lavoro
9,00 €
5,4 €
     
SINTESI
Venuto meno – al verificarsi dell’infortunio o della malattia professionale – l’obiettivo prioritario di tutelare “realmente” la salute all’interno del rapporto di lavoro, prevenendo il danno e persino il pericolo; riparare ogni pregiudizio prodotto al lavoratore, nella sua integrità e molteplice manifestazione, resta imperativo categorico minimale che l’ordinamento deve ripromettersi di conseguire.
Una funzione che si rivela tecnicamente complessa, più di quanto non accada ordinariamente, dato che la riparazione risarcitoria si intreccia con la protezione sociale garantita dal sistema previdenziale e suggerisce valutazioni sistematiche che richiedono un sguardo allargato nella prospettiva del dialogo interdisciplinare (col diritto penale, il diritto civile generale, la medicina legale, la previdenza sociale).
Si tratta, al contempo, di una funzione che risulta più stimolante e affascinante per gli interpreti, del settore lavoristico e non solo, chiamati al confronto con un mondo in continuo movimento come quella società del lavoro che, con le sue crisi e le sue indeclinabili esigenze di protezione personalistica, preannuncia spesso, insieme ai cambiamenti, nuovi modelli di tutela validi per tutto il mondo del diritto.
pagine: 99
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-98069-68-2
data pubblicazione: Giugno 2013
editore: Cendon Libri
collana: Diritto | Nuovi casi | 32
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto