Il suicidio e la responsabilità
9,00 €
5,4 €
     
SINTESI
C’è chi si uccide senza che nessuno abbia fatto alcunché per spingerlo a quel tragico risultato. E ci sono casi in cui il fatto autolesionistico – compiuto o tentato da qualcuno - appare invece riconducibile al (precedente) fatto illecito di una persona.
Condizioni di vita troppo pesanti in qualche istituzione totale. Violenze poste in essere da un patrigno manesco. Molestie sessuali attuate verso un bambino o un soggetto fragile. Persecuzioni poste in essere da un branco, da un stalker, da un’organizzazione di criminalità organizzata. Negligenze di uno psichiatra sul terreno terapeutico o farmacologico.
In questi - o in altri tanti altri casi - una responsabilità civile del’ “altro” è sicuramente prospettabile.
pagine: 101
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-98069-67-5
data pubblicazione: Dicembre 2013
editore: Cendon Libri
collana: Diritto | Orizzonti
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto