L'ordine europeo di protezione
La tutela delle vittime di reato come motore della cooperazione giudiziaria
32,00 €
Area 12 – Scienze giuridiche
     
SINTESI
Cooperazione giudiziaria internazionale e tutela delle vittime di reato: queste sono le coordinate di fondo della manovra culminata con l’approvazione del d.lgs. 11 febbraio 2015, n. 9.
In attuazione della direttiva 2011/99/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, sull’ordine di protezione europeo, anche l’Italia – al pari di molti altri Paesi europei – ha risposto (quasi) tempestivamente alla richiesta di dotarsi dei necessari strumenti affinché le vittime di reato possano circolare liberamente nello spazio comune di libertà, sicurezza e giustizia, senza perdere le misure di protezione ad esse riconosciute in funzione della loro salvaguardia da atti di rilevanza penale.
Trova disciplina, così, nel codice di procedura penale, l’ordine europeo di protezione: passaporto speciale di quelle cautele che, stabilite in uno Stato (c.d. di emissione), vengono – salvo tassative eccezioni – riconosciute da un altro Stato (c.d. di esecuzione).
Il volume, muovendo da un’indagine interna e comparata sul principio del mutuo riconoscimento, come base per la cooperazione giudiziaria, offre un esame completo e critico del d.lgs. n. 9 del 2015, non senza dedicare spazio alle risposte offerte da altri ordinamenti europei in materia di ordini di protezione.
pagine: 272
formato:
ISBN: 978-88-921-0325-2
data pubblicazione: Febbraio 2016
editore: G. Giappichelli Editore - Torino
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto