Le interrelazioni tra pianificazione territoriale e pianificazione locale provinciale e comunale
8,00 €
     
SINTESI
Tra i motivi conduttori delle politiche di riforma avviate nel nostro Paese a partire dai primi anni ’90 per modificare il sistema della pianificazione territoriale quello di un nuovo modello delle interrelazioni tra i diversi livelli pianificatori ha acquisito una crescente centralità nei programmi governativi. Esso è divenuto uno dei paradigmi fondamentali sulla base dei quali commisurare i processi di riorganizzazione della Pubblica Amministrazione ed uno dei principali obiettivi da seguire per competere a livello internazionale con gli altri Paesi. Parlare, in questo particolare momento storico, delle interrelazioni tra pianificazione territoriale e locale significa, sì, riprendere in esame la riforma delle autonomie locali, ma significa soprattutto riesaminare i problemi della pianificazione istituzionale, cioè della formazione e dell’attuazione dei piani finalizzati al governo del territorio da parte delle autorità istituzionalmente competenti, in un momento in cui sembra prevalere un modello culturale basato su una generica “deregulation” e sullo sviluppo della città e del territorio per parti e per settori, secondo la logica dell’emergenza permanente (Marcello Vittorini).
pagine: 112
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-7999-761-4
data pubblicazione: Gennaio 2006
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto