Tra confessione e contraddizione
Uno studio sul romanzo di Alma de Céspedes dal 1949 al 1955
20,00 €
12,00 €
     
SINTESI
Pur nella recente ripresa degli studi critici sulla produzione narrativa delle scrittrici italiane del Novecento, sono ancora pochi i lavori dedicati agli aspetti specifici e problematici che hanno largamente contribuito all’originalità e all’importanza di questa produzione. Ciò vale senza dubbio per Alba de Céspedes, una delle autrici più lette degli anni Trenta e Quaranta, ma accantonata, in seguito, dalla storiografia del secondo Novecento. Questo studio si concentra su un periodo circoscritto della sua produzione e analizza tematicamente e strutturalmente gli elementi contraddittori che conferiscono al tono di confessione e di denuncia delle pagine decespediane un carattere sotterraneo di doppiezza e di ambiguità. Sullo sfondo di una tradizione letteraria al femminile, che viene attentamente ricostruita, e attraverso precisi riscontri con la critica, tre romanzi dell’autrice vengono analizzati alla luce di temi e motivi finora poco studiati dalla critica del Novecento.
pagine: 200
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-7999-669-3
data pubblicazione: Gennaio 2006
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto