Elementi di Teoria delle vibrazioni meccaniche
21,00 €
     
SINTESI
I principi basilari delle vibrazioni meccaniche, limitatamente all'esame dei sistemi lineari discretizzati con un solo grado di libertà. A una breve descrizione del fenomeno vibratorio — intesa a sviluppare concetti e dare definizioni preliminari — segue lo studio delle vibrazioni libere, smorzate, forzate, nonché forzate e smorzate dei sistemi meccanici anzidetti. Si è ritenuto opportuno corredare ciascun capitolo di semplici applicazioni, molte delle quali svolte anche numericamente, onde agevolare al discente il compito di tradurre i concetti teorici in risultati significativi sotto l'aspetto pratico e quindi progettuale.Augusto Di Benedetto è professore ordinario di Meccanica applicata alle macchine nella Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Ingegnere navale e meccanico, ha prestato servizio presso i Cantieri Navali Ansaldo di Genova–Sestri e, successivamente, presso la Direzione Generale dell’AGIP S.p.A. in Roma, dedicandosi, intanto, ad attività didattica e scientifica in qualità di assistente volontario. Passato al ruolo di assistente ordinario, con qualifica di aiuto, alla cattedra di Meccanica applicata alle macchine della suddetta università, ha insegnato, quale professore incaricato, Costruzione di macchine nell’Università di Ancona e Macchine termiche e idrauliche nella Scuola Trasporti e Materiali dell’Esercito. Nell’attività di ricerca si è interessato a tematiche riguardanti l’analisi, la sintesi cinematica e la topologia dei meccanismi piani, le camme, gli ingranaggi, la dinamica dei sistemi e la biomeccanica, ricevendo, nel 1983, il riconoscimento internazionale Procter and Gamble Award. È autore di numerose pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali, di memorie presentate a congressi, nonché dell’opera Introduzione alla cinematica dei meccanismi, stampata in tre volumi dalla Casa Editrice Ambrosiana di Milano. In ambito organizzativo ha svolto funzioni di direttore dell’ex Istituto di Meccanica applicata alle macchine del Dipartimento di Meccanica e Aeronautica, di coordinatore del diploma universitario in Ingegneria meccanica e dei progetti Campus e Campus One, nonché di presidente del corso di laurea e del consiglio di area in Ingegneria meccanica.Nicola Pio Belfiore, professore associato di Meccanica applicata alle macchine dal 2000, tiene il corso di Meccanica applicata alle macchine per gli allievi iscritti ai corsi di laurea in Ingegneria aerospaziale ed energetica dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza”. Laureato in ingegneria meccanica nel 1987, ha conseguito il titolo di dottore di ricerca nel 1991, avendo completato il programma di studi, in qualità di Visitor Faculty Research Assistant, presso il System Research Centre della University of Maryland di College Park (USA). Professore a contratto per l’Università di Cassino nel 1993, quale docente di Meccanica razionale, e, successivamente, di Meccanica applicata alle macchine per alcuni corsi di diploma universitario delle Università di Roma e Ancona, è diventato ricercatore universitario nel 1996, presso l’Università di Roma “La Sapienza”. Autore di numerose pubblicazioni su riviste nazionali e internazionali, nonché di memorie presentate a congressi, si occupa principalmente di progettazione funzionale, robotica, tribologia e organi di trasmissione. La sua attività è testimoniata da due riconoscimenti internazionali ottenuti il primo, Procter and Gamble Award, nel 1993, e il secondo, AMR Unique Contribution, nel 1997
pagine: 348
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-7999-605-1
data pubblicazione: Gennaio 2006
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto