Schermi elisabettiani
14,00 €
     
SINTESI
Molte sono le domande sottese allo studio di drammi elisabettiani e delle loro versioni filmiche. Questioni generali, di individuazione di strumenti di analisi che, a partire dalla conoscenza dei meccanismi drammatici e della ricchezza di senso del testo verbale, sappiano interrogarne la concretizzazione filmica nel rispetto delle specificità di linguaggio — e questioni legate proprio alle trasposizioni di drammi elisabettiani. Perché il cinema attinge a opere tanto lontane, come ci parlano ancora, dove si gioca la “fedeltà” tanto spesso evocata nel caso di testi di un riconosciuto, quasi sacrale, valore culturale? Qui ci si propone di contribuire alla riflessione in proposito con alcune analisi che illustrano possibili tagli di lettura. Allusione a un libero nascondimento/rispecchiamento, il doppio senso di “schermi elisabettiani” è un inizio di risposta, consapevolmente parziale; di qui la scelta di film che, in una rivisitazione creativa rivolta alla contemporaneità, mirano a cogliere in quei testi del passato temi centrali per il nostro presente.Paola Bono insegna al DAMS dell’Università di Roma Tre. Tra le sue pubblicazioni figurano studi sul teatro elisabettiano, in particolare su Marlowe, e sulle rivisitazioni e trasformazioni di storie, temi e figure in contesti e con modalità espressive diverse.Hanno collaborato al volume: Simona Centi,Andrea Di Pizio, Adriano Franceschetti, Giorgina Pilozzi
pagine: 212
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-7999-601-3
data pubblicazione: Gennaio 2006
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto