La lirica e le idee
Percorsi critici da Baudelaire a Zanzotto
16,00 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
La storia della lirica tra gli altri generi di poesia ci parla di una ricerca di legittimazione sul piano teorico che giungerà a maturazione solo in epoca romantica, quando arriverà a identificarsi unilateralmente con il concetto stesso di poesia. Poesia moderna come lirica, dunque. Lirica come sogno di totale immanenza del soggetto nel linguaggio; oppure lirica come chiusura nell’universo formale. In entrambi i casi, messa tra parentesi l’opacità dei segni, e scegliendo come modelli l’azione o il gioco, la lirica rinuncia a proporsi come medium della conoscenza.Si tratta di verificare se sia possibile fare del pensiero una passione della poesia, di verificare se e in che modo alcuni poeti abbiano accettato la sfida di interrogare l’irrazionale da un punto di vista razionale. Baudelaire, Pascoli, Jahier, i Futuristi, Ungaretti sono le stazioni qualificanti scelte per illustrare l’itinerario. Andrea Zanzotto ne costituirà il punto d’arrivo.
pagine: 324
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-7999-554-2
data pubblicazione: Gennaio 2006
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto