La soggettività trascendentale concreta
Linee per una rilettura della fenomenologia di Edmund Husserl
15,00 €
     
SINTESI
La fenomenologia husserliana non è soltanto l’ultimo episodio della crisi della filosofia del soggetto, ma costituisce una prospettiva teoretica autonoma e tuttora percorribile, che ci permette di coniugare il rigore dell’argomentazione trascendentale con la concretezza vissuta della corporeità, della temporalità, dell’intersoggettività. Se dunque si può realmente parlare di una soggettività trascendentale concreta, alcune delle obiezioni più comuni rivolte al programma filosofico–trascendentale di Husserl devono essere considerate sotto una luce differente e, almeno in parte, ridimensionate. Il presente saggio vuole innanzitutto mostrare la possibilità di questa interpretazione, attraverso un confronto puntuale con i testi, e dando particolare risalto alla dimensione metodologica e analitica più generale alla base del discorso husserliano. Senza pretese di completezza, si è cercato di delineare un percorso dal quale emergesse una certa ricchezza e “complessità” dell’analisi fenomenologica della soggettività, al di là di riduttive operazioni storiografiche.
pagine: 252
formato: 15 x 22
ISBN: 978-88-7999-511-5
data pubblicazione: Gennaio 2006
editore: Aracne
collana: dialegesthai | 4
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto