Pietro Metastasio da poeta di teatro a “virtuoso di poesia”
24,00 €
     
SINTESI
Il Metastasio viene spesso identificato dai suoi lettori nel poeta cesareo stabilmente e servilmente inserito alla corte di Vienna; nella fissità formale delle edizioni complessive dei suoi drammi; nella limpidezza e melodica facilità dei suoi versi. In questo studio si mette in luce un Metastasio più inquieto, non sedentario e appagato; il suo metodo di lavoro e di ricerca anche faticosa della perfezione; la mutevolezza dei testi nelle edizioni dei libretti e nelle revisioni da lui curate. Un Metastasio meno pacioso e rassicurante, dunque, ma più vicino alla sensibilità e alla fisionomia di altri poeti e intellettuali del suo tempo.Rosy Candiani si è laureata in Lettere e Filosofia presso l’Università degli Studi di Milano. Studiosa del Settecento, si è occupata di epistolari e di manoscritti, curando l’edizione di numerosi inediti. Ma soprattutto si interessa dell’opera per musica, trattando anche del Parini, di Ranieri de’ Calzabigi, di Goldoni e dei librettisti che hanno scritto per Mozart, come Giovanni De Gamerra.
pagine: 464
formato: 13 x 21
ISBN: 978-88-7999-212-1
data pubblicazione: Gennaio 2006
editore: Aracne
collana: Ricerche letterarie | 01
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto