Il regime giuridico di piazza San Pietro
     
SINTESI
Lo scopo di questa trattazione è quello di individuare ed interpretare il particolare regime giuridico di Piazza San Pietro così come fissato nel Trattato lateranense, con il quale le parti hanno voluto fornire una risposta alla molteplici difficoltà di ordine pratico posta dalla particolare conformazione della Piazza. L'apertura di questa verso la città di Roma e la natura stessa dello Stato Città del Vaticano, identificabile come Stato “enlave”, spiegano come la Piazza San Pietro non poteva essere considerata come un qualsiasi altra porzione di territorio straniero ma abbisognava, al contrario, di un regime particolare che soddisfacesse le esigenze della popolazione. Il regime così originato ha posto interessanti questioni in dottrina e in giurisprudenza sulla competenza a giudicare delle controversie civili e soprattutto deo reati commessi nella Piazza di cui l'attentato al Santo Padre ha rappresentato l'esempio più eclatante. Per comprendere al meglio le motivazioni e gli obiettivi che le parti si sono prefissate nella redazione degli Accordi, lo studio comprende una breve analisi degli avvenimenti storici relativi al periodo della presa di Roma nonché un resoconto del dibattito politico sorto intorno alla cosiddetta "questione romana" che solo con il Trattato dell’11 febbraio 1929 ha trovato definitiva composizione.
pagine: 124
formato: digitale
ISBN: 978-88-7890-819-2
data pubblicazione: Aprile 2007
editore: Edizioni Kappa
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto