Idea di scrittura
Architetture 1990-2005
5,00 €
     
SINTESI
Con l'opera di Rosario Gigli s'inaugura la sezione "d'autore" dei quaderni di Valle Giulia. Per la prima volta la collana ospita materiali che oltre a riflettere sul progetto si soffermano sui modi del suo concreto precipitare sulla terra. Argomento verso il quale si può nutrire grande interesse perché il mondo universitario, di cui questa serie di pubblicazioni è espressione, deve perseguire il suo compito di conoscenza e di ricerca mai trascurando il fuori di sé in cui il suo operato dovrà auspicabilmente depositarsi. I progetti e le realizzazioni di Gigli costituiscono, un felice punto d'incontro tra la dimensione teorica della ricerca e dialettica del reale. Del suo lavoro piace la schiettezza con cui si mette in gioco non rifiutandosi ad alcun impegno anche là dove l'aporia è in agguato, dove la coerenza sembra inattingibile. Tra dimensione urbana e qualità segnica, tra rigore concettuale e felicità del vivere, attraverso le molte difficoltà che si frappongono all'esito, il Nostro si muove con la semplicità del fanciullo che mette a frutto tutto ciò di cui dispone, dall'antica sapienza del costruire alla sensibile partecipazione alle istanze sociali, dagli strumenti disciplinari, di cui dimostra padronanza felice, alla capacità di ascolto dei contesti e dei temi. Dei suoi disegni si può dire (con una parafrasi oppositiva a quanto è stato affermato altrove e in altri contesti) che siano veri disegni di architettura proprio in quanto, per nulla paghi del sé, "ambiscono alla terza dimensione": quella realizzativa di cui costituiscono insieme profezia e tramite. Probabilmente Gigli non si considera artista (almeno non solo) e non pratichi l'irresponsabile idolatria dei segni che escono dalle sue mani. Tutto ciò lascia pensare che il suo intento sia intraprendere responsabilmente un'azione composita che vede il disegno di progetto quale momento significante, ma accanto ad altri tra cui fondamentale la parola, lo scambio con l'altr, il confronto, la mediazione ed infine la collaborazione. Nella consapevolezza che l'architettura non è opera individuale e non appartiene al proprio autore più di quanto non appartenga a chi la promuove, a chi la finanzia, o la realizza, la fruisce e la mantiene.
pagine: 80
formato:
ISBN: 978-88-7890-814-7
data pubblicazione: Marzo 2007
editore: Edizioni Kappa
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto