I fabbri a Roma nel XVI e XVII secolo
13,00 €
     
SINTESI
Dalla presentazione di Enrico GuidoniQuesto primo studio documentato sui fabbri a Roma in età moderna - almeno nel senso che interessa le ricerche finalizzate del Museo della città e del territorio - nasce da esigenze diverse. Da un lato una ricca documentazione conservata nell’archivio della Confraternita dei Fabbri viene analizzata, e in parte pubblicata, come strumento per la conoscenza approfondita dell’arte e di coloro che la esercitavano; dall’altro una messe di dati è utilizzata per la localizzazione delle botteghe artigiane tra XVI e XVII secolo.
La città nel suo insieme, e il singolo lavoratore-artista appartengono del resto a due mondi entrambi da ricostruire se si vuole realmente comprendere fino in fondo la dinamica degli eventi e dei loro significati. Ma un terzo aspetto emergente ha suggerito di estendere la ricerca al mestiere vero e proprio, alle sue tecniche e ai suoi prodotti: sui documenti si è quindi ricostruito un glossario - uno dei più ricchi e certamente il più aggiornato in materia - relativo all’arte dello stagnaio, confrontandone e completandone gli esiti con le principali trattazioni enciclopediche tra XVI e XIX secolo.
pagine: 110
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-7890-345-6
data pubblicazione: Ottobre 2009
editore: Edizioni Kappa
collana: Museo della Città e del Territorio | 11
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto