Roma, architettura
La città tra memoria e progetto
20,66 €
     
SINTESI
Il volume è dedicato all'architettura di Roma, in contesti del centro storico trasformati dopo l'Unità d'Italia in funzione di ruoli nazionali e municipali. L'intento è di studiare progetti che per primi e più di altri hanno concorso a delineare il disegno della città contemporanea. La scelta è per esempi di progettazione della gestione di Roma di fine '800 e del primo '900, ove i rapporti tra tipologia edilizia e morfologia urbana, coinvolgendo memorie storiche e preesistenze profonde, modificano il disegno della città, le immagini ed il senso evocativo dei suoi luoghi.
Elementi interpretativi dei processi progettuali, degli esiti figurativi, dei segni simbolici: l'analisi critica della storia della città e, rara ma felice, la riconoscibile sintesi creativa dell'intuizione.
Alla documentazione originale ed alla lettura sintetica di strutture e sistemi di Roma Liberale e fascista, pubblicate dall'autore nel 1979 e 1981, seguono in questa sede l'analisi di opere realizzate in luoghi emblematici, con decisi intenti rappresentativi, per una identità nazionale e municipale distinta da quella della città dei papi. Oltre ai riferimenti urbani, profondi nel tempo e nello spazio della città, concorrono alla scelta degli esempi raccolti nel volume l'unicità dell'immagine architettonica realizzata e la tipicità dei problemi e metodi che di volta in volta in contesti diversi la definiscono.
Atti, disegni d'archivio, carte ed appunti sono esaminati con l'interesse circoscritto all'analisi del progetto, alla cultura che lo produce, al contesto eccezionale con il quale le sue immagini si compongono e più spesso si identificano.
La documentazione e la lettura dei documenti ricostruiscono un quadro di formazioni, mentalità e interessi culturali, anche locali, che ideologie nazionali e convinzioni precarie sui ruoli della capitale faticano ad amalgamare. Per queste ragioni l'analisi è estesa dal dibattito architettonico in merito all'area ed al progetto, anche a contributi pertinenti ma non specifici che in un quadro comune di riferimento concorrono a definirne il contesto culturale.
Lo studio privilegia il processo formativo di ogni singola realizzazione. Non esime tuttavia dal riconoscere come ogni esperienza progettuale e realizzazione risenta delle altre, anche delle più lontane, e come tutte o quasi siano soggette a vincoli comuni.
Lo sono in un sistema che si palesa come organico non in quanto programmato, ma in quanto favorito dalla permanenza di condizioni di compatibilità e continuità, indotte anche dopo il 1870 e per decenni dal disegno urbano e dalla tradizione culturale, osteggiata ma operante, della città dei papi.
Questo volume raccoglie otto saggi su temi specifici, alcuni dei quali pubblicati da riviste scientifiche, estratti da una raccolta organica di scritti confluiti in questo modo nella forma e sintesi presente.
L'origine di questi studi, il loro senso?
Docente di progettazione, l'autore ha dedicato tempo e passione alla conoscenza di una città, Roma, straordinaria per concezione ed immagini, quanto disperante per condizioni di vita.
La ricerca di metodi idonei ad affrontare i problemi del presente ha indotto a studiare la loro origine, e ad identificare nella conoscenza della storia della città le matrici operative per progettare, nell'ambito di situazioni e luoghi determinati, con qualche credibilità.
pagine: 320
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-7890-299-2
data pubblicazione: Aprile 1998
editore: Edizioni Kappa
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto