Villaggi di capanne nei Lepini
Una prospettiva etnoarcheologica
40,00 €
     
SINTESI
Ancora nella prima metà del Novecento non vi era zona della collina lepina che non accogliesse tra i paesi, piccoli “villaggi” di capanne. Che quelle abitazioni antiche di pietre a secco, rami di castagno e stramma, fossero un segno di indigenza è evidente, ma che rivelassero anche altro, una trama di migrazioni, una originale cultura, un patrimonio materiale e immateriale da conoscere e valorizzare (efficaci saperi naturalistici, ingegnose pratiche costruttive, spirito di frontiera...) è consapevolezza del’oggi, di noi contemporanei. Ora che un grandioso assetto paesistico di matrice agropastorale sta scomparendo e un’antica e radicata civilizzazione rischia di uscire dalla storia senza provocare un’elaborazione culturale, il Sistema Museale dei Monti Lepini ha promosso una ampia e sistematica documentazione di 9 agglomerati di capanne. L’abbiamo definita etnoarcheologica, per rivendicare la rinnovata e sperimentale alleanza fra l’etnografia – centrata sulla contemporaneità delle fonti orali, sul’osservazione partecipante, le ricostruzioni genealogiche, il coinvolgimento dialogico e riflessivo dei ricercatori e nativi – e l’archeologia, focalizzata sulla cultura materiale, sul rilievo puntuale degli insediamenti.
pagine: 404
formato: 15 x 21
ISBN: 978-88-6514-130-4
data pubblicazione: Marzo 2012
editore: Edizioni Kappa
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto