Lexia. Rivista di semiotica
Complotto
35,00 €
21,00 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Se il lavoro dei semiotici sulle teorie del complotto ha uno scopo, non è quello d’indicare, da un punto di vista supposto come neutrale, chi ha ragione e chi ha torto, chi sta cospirando e chi no, chi ha creato una falsa teoria del complotto e chi svela un segreto socialmente pericoloso. Lo scopo della semiotica è, piuttosto, quello d’indicare le condizioni discorsive che favoriscono la proliferazione del pensiero complottista o anti-complottista e, allo stesso tempo, quello di suggerire come riformulare il conflitto in un quadro discorsivo diverso, che non si limiti a creare retorica polemica ma getti le basi per l’azione sociale. Il problema delle teorie del complotto, infatti, da un punto di vista semiotico non risiede nella loro presunta fallacia logica o scientifica, ma nel fatto che esse sono un mezzo per esprimere una preoccupazione sociale che, altrimenti, resterebbe inespressa, vale a dire, l’angoscia verso la crescente decostruzione delle conoscenze nelle nuove arene digitali. Semiotici e altri studiosi sociali dovrebbero pertanto operare non per il ridimensionamento di tali teorie pensate come cospirative, ma per la creazione di uno spazio collettivo in cui la confusione evidente dell’attuale comunicazione digitale possa essere problematizzata, discussa e possibilmente reindirizzata verso soluzioni più convenienti.
pagine: 508
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-9931-5
data pubblicazione: Giugno 2016
editore: Aracne
rivista: Lexia | 23-24
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto