Né un pazzo, né un poeta
Pasolini e il teatro del Novecento
22,00 €
13,2 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
Il volume ripercorre l’esperienza drammaturgica di Pier Paolo Pasolini, indagata nei suoi caratteri di originalità all’interno del panorama italiano, allargando anche il quadro al contesto internazionale. Intraprendendo un’analisi delle sei tragedie del 1966 è stato possibile individuare nella dialettica fra recupero delle fonti classiche e volontà avanguardistica la cifra innovativa del teatro di Pasolini. Nasce di qui il tentativo di intraprendere una rivisitazione in chiave moderna dei grandi miti, lungo una sperimentazione che conduce alla contaminazione tra parola drammaturgica e visione cinematografica. Nell’indagine resta centrale il versante teatrale, del quale si ricostruisce un quadro di riferimenti nazionalie internazionali che aprono prospettive originali sull’ottica drammaturgica di Pasolini e sulla sua capacità di dialogo con il panorama contemporaneo.
pagine: 228
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-9826-4
data pubblicazione: Novembre 2016
editore: Aracne
collana: Dulces Musae | 12
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto