I diari d’internamento di Federico Bonisoli
La lingua e il “bel dire” di un fascista italo–australiano
17,00 €
10,2 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
Durante la Seconda guerra mondiale circa 4800 civili di origine italiana residenti in Australia furono imprigionati in campi di internamento in località remote e inospitali. Secondo fonti ufficiali, il trattamento riservato agli internati fu benevolo. A questa versione degli eventi, tuttavia, è sempre mancata la voce delle vittime. I diari di Federico Bonisoli, e lo studio dell’espressione dell’autore, costituiscono una fonte pregevole di informazioni che evidenziano il modo caotico in cui avvenivano gli arresti, l’incarcerazione indiscriminata di individui di diverse ideologie, l’angoscia degli internati separati dalle loro famiglie e dal loro lavoro. Loro unica colpa, quella di essere italiani.
pagine: 348
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-9724-3
data pubblicazione: Ottobre 2016
editore: Aracne
collana: Oggetti e soggetti | 47
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto