L'utopia in Cyrano de Bergerac
La città, il potere, la libertà
16,00 €
9,6 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Cyrano de Bergerac non è stato solamente l’appassionato spadaccino narrato da Rostand alla fine dell’800. Fine studioso e originalissimo letterato, fu anche e soprattutto uno degli esponenti più significativi e originali del libertinismo seicentesco. La sua opera principale, L’Autre Monde, composta dai due romanzi filosofici Les Estats et Empires de la Lune e Les Estats et Empires du Soleil, descrive attraverso l’ironia mondi “altri”, non–luoghi fantastici, punti di vista diversi dai quali guardare la nostra terra. Il volume riflette su due aspetti dell’utopia cyraniana: la forma delle città, che sulla luna si muovono o si avvitano nel terreno, e l’autorità politica, che, nella perfetta repubblica solare degli uccelli, svela inaspettati tratti “demoniaci”. L’utopia di Cyrano contiene in sé, tra le righe, la propria autocritica e può così essere letta mettendo a frutto la categoria foucaultiana di “eterotopia”. Ricca di significati che sovrappongono in maniera multiforme il piano reale con quello ideale, essa interroga l’uomo e la sua ridimensionata posizione in una natura nella quale non esistono gerarchie tra gli esseri che la compongono.
pagine: 184
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-8982-8
data pubblicazione: Novembre 2016
editore: Aracne
collana: Percorsi di Etica. Saggi | 17
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto