Il Caucaso meridionale
Processi politici e attori di un'area strategica
12,00 €
7,2 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
Il gioco di potenza nel Caucaso meridionale rappresenta uno dei principali rompicapi geopolitici del sistema internazionale sorto alla fine Guerra fredda. All’indomani dell’implosione dell’URSS l’area è stata riscoperta per il suo tradizionale valore strategico, costituendo il punto di raccordo tra Spazio post-sovietico, Europa e Medio Oriente. Per tale ragione le crisi che hanno colpito Armenia, Azerbaigian e Georgia sono state seguite da una rapida internazionalizzazione, che ha contributo a impedirne la risoluzione. Il Caucaso meridionale è così tornato a rappresentare uno dei principali teatri di confronto tra Stati Uniti e Russia, al cui interno si sono innestate anche le ambizioni di Turchia e Iran. Pertanto, nel lavoro di ricostruzione dei processi politici e dei rapporti di potere tra gli attori che operano nell’area, l’approccio adottato dal gruppo di ricerca coordinato da Gabriele Natalizia è coinciso con il superamento della tradizionale distinzione esterno/interno. In tutti i capitoli emerge chiaramente la profonda e continua interazione tra la sfera politica internazionale e la sfera politica domestica che, mai come in questo caso, si compenetrano tanto profondamente da rendere inefficace qualsiasi sforzo interpretativo inteso a studiarle separatamente.
pagine: 228
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-8921-7
data pubblicazione: Settembre 2016
editore: Aracne
collana: Nazionalismi, storia internazionale e geopolitica | 5
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto