Da Murri a Meda
Momenti e figure del pensiero mitico nazionale tra Ottocento e Novecento (1898–1925)
22,00 €
13,2 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Questo libro tratta il mito della nazione cristiana, come è stato percepito da una parte significativa della coscienza politica e culturale italiana dalla crisi sociale dello Stato liberale del 1898 fino all’instaurazione della dittatura fascista nel 1925, attraverso la voce sempre più importante e incalzante delle riviste cattoliche. Il libro descrive, in quadri particolari, come ha avuto origine dal radicalismo nazionale di fine Ottocento sulle pagine di «Cultura Sociale», la «marcia» giovanile cristiana del nazionalismo, da quali elementi quest’ultimo è stato composto e quali forme e accenti ha assunto durante il suo cammino attraverso l’età giolittiana, la Grande Guerra e l’avvento del Regime. Il libro mostra come una parte significativa della cultura politica italiana di estrazione cattolica e spiritualistica, che si ispirava al nazionalismo risorgimentale, giunse a creare, attraverso un tragitto coerente e consapevole, una mentalità storica favorevole all’affermazione del primato del modello mitico della nazione cristiana.
pagine: 460
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-8583-7
data pubblicazione: Luglio 2015
editore: Aracne
collana: Il “cannocchiale” dello storico: miti e ideologie | 5
SINTESI
EVENTI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto