Che cos’è questa crisi?
Divagazioni sul teatro di Goldoni e sui suoi interpreti
25,00 €
15,00 €
Area 10 – Scienze dell'antichità, filologico-letterarie e storico-artistiche
     
SINTESI
Verso la fine degli anni Cinquanta del Novecento, per impulso della critica marxista, Goldoni diventò lo scrittore «organico» alla borghesia del Settecento, ottimista e progressista. Poi, negli ultimi trent’anni del secolo, cominciò a imporsi l’immagine di un Goldoni espressione di una «crisi» che via via assumeva caratteri sempre più «neri» e decadenti. Ma questa «crisi» c’è davvero stata? Davvero si può mettere in scena Goldoni come interprete di un mondo in rovina? Davvero il secolo dell’Illuminismo è stato un’epoca di sfascio e di rovina? A queste, e ad altre domande, cerca di rispondere questo libro che, con le sue «divagazioni», passa in rassegna più di mezzo secolo di interpretazioni goldoniane.
pagine: 632
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-8385-7
data pubblicazione: Aprile 2015
editore: Aracne
collana: Oggetti e soggetti | 31
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto