«Nel dolore del vivente»
Il superamento del principio di non-contraddizione nella dialettica di Hegel
16,00 €
9,6 €
Area 11 – Scienze storiche, filosofiche, pedagogiche e psicologiche
     
SINTESI
Dai frammenti giovanili, fino ai Lineamenti di filosofia del diritto, passando per la Fenomenologia dello spirito e la Scienza della logica, la contraddizione è stata una nozione fondamentale nella dialettica hegeliana. Nel corso della sua elaborazione, l'iniziale molteplicità di significati — prevalentemente etico-teologici — del periodo francofortese è andata sempre più definendosi, dopo Jena, in senso logico-filosofico, pur conservando una essenziale ambiguità semantica, segno necessario della speculatività che la parola filosofica deve avere per Hegel. Nella prima parte del libro, l'autore sottopone a critica serrata una delle interpretazioni più eterodosse della questione, quella cosiddetta “coerentista”, la quale ritiene che nella sua dialettica Hegel volesse addirittura esaltare il principio di non-contraddizione; nella seconda parte, svolge una propria lettura, secondo cui invece la dialettica hegeliana supera nettamente il principio di non-contraddizione, non solo nella sua versione razionalistico-astratta, ma anche in quella classico-aristotelica: la contraddizione è per Hegel la struttura della verità e il principio di generazione e realizzazione di tutte le determinazioni, ad un tempo logiche e ontologiche.
pagine: 316
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-8302-4
data pubblicazione: Marzo 2015
editore: Aracne
SINTESI
INDICE
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto