L’Italia senza Roma
Manovre diplomatiche e strategie militari (1865-1870)
15,00 €
9,00 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
Il quinquennio 1865-1870 è uno dei periodi risorgimentali più densi di avvenimenti e ricchi cambiamenti. In occasione della stipula della Convenzione di Settembre (15 settembre 1864), la diplomazia italiana si divideva sull’interpretazione degli accordi con il Secondo Impero. Avvicinamento a Roma oppure definitiva rinuncia a quella che Cavour aveva proclamato “naturale capitale dell’Italia”? La Questione Romana e quella Veneta caratterizzavano le dinamiche di politica internazionale italiana in una fase storica in cui il Paese fronteggiava gravi problemi interni come il colera, il grande brigantaggio, il dissesto finanziario. La Prussia fu la chiave di volta dei diplomatici italiani. Nel 1866 sconfisse l’impero asburgico consentendo all’Italia, nonostante una campagna militare fallimentare, di annettere il Veneto, e quattro anni dopo sbaragliò la Francia di Napoleone III, aprendo a Cadorna la via per Roma. Complesse manovre diplomatiche e articolate strategie militari in una fase delicata della storia italiana, della storia europea.
pagine: 232
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-8300-0
data pubblicazione: Maggio 2015
editore: Aracne
collana: Nazionalismi, storia internazionale e geopolitica | 1
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto