L’Italia e l’imperialismo giapponese in Estremo Oriente
La missione del Partito Nazionale Fascista in Giappone e nel Manciukuò
15,00 €
9,00 €
Area 14 – Scienze politiche e sociali
     
SINTESI
In epoca fascista la Cina e l’Estremo Oriente acquistano grande valore per l’Italia, alla ricerca di una dimensione mondiale. Negli anni Venti la presenza in Cina rimane però limitata e priva di reali possibilità e solo dal 1928, con l’ascesa dei nazionalisti, la politica estera fascista comincia a interessarsi seriamente alla regione, mantenendo fino al 1937 un atteggiamento filocinese. In seguito all’invasione giapponese, Roma cambia però strategia scegliendo l’alleanza con il Giappone. Nel nuovo quadro della politica italiana per l’Estremo Oriente si inserisce il viaggio di una delegazione del PNF, inviata nel 1938 a visitare l’Impero giapponese e il Manciukuò, la cui relazione finale, ricca di interessanti spunti, è qui interamente riprodotta.
pagine: 256
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-8271-3
data pubblicazione: Maggio 2015
editore: Aracne
collana: Storia contemporanea | 26
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto