Il poeta della Grande Guerra
Poesie 1919–1923
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
La produzione poetica di Egidio Bianchi (1898–1923) nel periodo che va dal 1919 fino alla sua morte fornisce un triplice indirizzo di indagine: consente di portare alla luce, grazie alla trascrizione dei suoi brani da parte di Nennelle, l’amata musa ispiratrice, una personalità letteraria di sicuro interesse; permette di assumere una privilegiata, seppur drammatica, prospettiva interna alle vicende della Grande Guerra, sempre presente nelle conseguenze personali e tra le righe della testimonianza del poeta soldato; fornisce infine la possibilità di analizzare nel dettaglio tecnico la delicata questione della disfatta di Caporetto, intrecciata all’inaudita crudeltà del premeditato uso letale di composti chimici a scopo bellico da parte delle truppe nemiche. Un corpus poetico che rappresenta un’importante esperienza letteraria, documentaria e storica.
pagine: 240
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-7660-6
data pubblicazione: Ottobre 2014
editore: Aracne
collana: Oggetti e soggetti | 4
SINTESI
RECENSIONI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto