Radici hegeliane nel pensiero di John Dewey
9,00 €
5,4 €
     
SINTESI
Lo strumentalismo di John Dewey, per profondità e valore epistemologico, è il maggior contributo al pragmatismo americano. La sua vasta produzione intellettuale, che spazia dalla filosofia alla psicologia, dall’etica alla pedagogia, si presenta come ricerca e applicazione del metodo dell’indagine scientifica tanto nell’ambito della filosofia, allo scopo di rinnovarla, quanto in molti campi della dimensione pubblica, principalmente la politica e l’educazione. Nell’ecletticità di questa ricerca è rinvenibile una concezione del mondo che Dewey ha maturato negli anni della sua formazione, influenzata dal congregazionalismo protestante e dagli studi su Hegel. Dewey parla di un passaggio dall’assolutismo idealista al naturalismo e al metodo sperimentale, ma il rapporto tra queste due “anime” del suo pensiero è oggetto d'interpretazioni. Alcuni studiosi ritengono che vi sia una cesura tra un primo e un secondo periodo; altri, che non vi sia soluzione di continuità grazie alla religione. In questo lavoro, attraverso l'analisi di vari scritti e di interpretazioni critiche di diversi autori, si tenta di appurare se non vi sia piuttosto un superamento dell’idealismo in quanto metodo, conservandone però l’obiettivo monistico di fondo: la matrice hegeliana può essere considerata come il “collante” che concilia le varie dimensioni di un pensiero dinamico, aperto e sempre attuale.
pagine: 156
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-7590-6
data pubblicazione: Settembre 2014
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto