Lacan e il circolo dell’eliotropio
Per una rilettura del rapporto fra Derrida e Lacan
16,00 €
     
SINTESI
Come è noto, il rapporto fra Derrida e Lacan fu alquanto difficile e controverso: da un lato l’accusa più o meno velata di plagio da parte dello psicoanalista, dall’altro l’impietosa critica del filosofo al «sistema lacaniano della verità». Analizzando il pensiero di Lacan attraverso la pratica decostruttiva – con particolare riferimento agli anni Sessanta e al concetto freudiano di das Ding – questo saggio rileva le profonde affinità strutturali esistenti fra i due autori; il filo conduttore dell’analisi è la metafora, strumento principe del logocentrismo e del pensiero metafisico, che da sempre ha caratterizzato ciò che Derrida chiama «il circolo dell’eliotropio» e che ha sancito, per la filosofia, il rapporto fra soggetto, linguaggio e realtà.
pagine: 272
formato: 17 x 24
ISBN: 978-88-548-7422-0
data pubblicazione: Luglio 2014
editore: Aracne
collana: Diritto di stampa | 71
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto