Giacomo Leopardi e gli orizzonti dell'infinito–nulla
10,00 €
6,00 €
     
SINTESI
L’autrice intende presentare un particolare punto di vista sull’opera di Giacomo Leopardi, poeta troppo spesso etichettato come “pessimista” e “nichilista”, partendo, paradossalmente, proprio dal nulla, inteso come “non–essere”, “non–senso”. Siamo proprio sicuri che il nulla leopardiano sia solo questo e che il suo rapporto con l’infinito si riduca a una semplice identificazione con lo “sconfinato”, il puro “vuoto”? Gli orizzonti dell’infinito–nulla ci svelano un legame nuovo, originario e autentico con la dimensione dell’essere, oltre il vuoto abisso nel quale il nichilismo vorrebbe gettare il pensiero leopardiano.
pagine: 160
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-7388-9
data pubblicazione: Luglio 2014
editore: Aracne
collana: I nuovi critici | 15
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto