Cibo e dintorni
Gusti e disgusti dei nostri giorni
15,00 €
     
SINTESI
La fame malata è un tarlo che si è insinuato subdolamente tra di noi e rosicchia una buona fetta della salute sociale. Quando una disfunzione comportamentale diventa tanto importante da imporsi all’attenzione generale, smette di essere un semplice problema psicologico e diventa un problema sociologico. Non ci si può limitare a prescrivere una quarantena di dieta e psicoterapia a una folla di individui disturbati, ma bisogna rimboccarsi le maniche per cercare le cause che ammorbano la collettività. Cos’è la fame malata? È una fame che non ha nulla da spartire con la fisiologia, è una creazione disperata dell’Uomo. Se la fame e la sazietà derivano dalla natura, la fame malata deriva dalle distorsioni naturali che l’affettività produce. Mangiare è seguire la natura, mangiare male è prestare la bocca alla solitudine. In una società che mangia male, è la modalità relazionale a essere malata.
pagine: 216
formato: 14 x 21
ISBN: 978-88-548-7377-3
data pubblicazione: Luglio 2014
editore: Aracne
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto