Alterità e infinito
15,00 €
9,00 €
     
SINTESI
Esiste una stretta correlazione nel pensiero di Levinas tra alterità, infinito e felicità. L'autore si distingue dai contemporanei per una concezione radicale di “altro”, cui l’Io si relaziona in maniera asimmetrica. Tale presupposto trova il suo culmine nell’idea di Infinito: Levinas si ispira alle Meditazioni di Cartesio, mettendone in discussione la concezione quantitativa del divino. La radicale esteriorità dell’Infinito ha come conseguenza il superamento della felicità, stadio egoistico che coincide con la pienezza dell’esistere. Il comandamento dell’Infinito, che si rivela nel Volto altrui, richiama l’Io a una totale donazione, aprendo tuttavia a una possibile alienazione del sé.
pagine: 268
formato: 15 x 22
ISBN: 978-88-548-7360-5
data pubblicazione: Luglio 2014
editore: Aracne
collana: dialegesthai | 21
SINTESI
Informativa      Aracneeditrice.it si avvale di cookie, anche di terze parti, per offrirti il migliore servizio possibile. Cliccando 'Accetto' o continuando la navigazione ne acconsenti l'utilizzo. Per saperne di più
Accetto